Blog ALYANTE – TeamSystem

Industria 4.0: che cosa significa e quali sono i requisiti chiave

L'evoluzione del Manufacturing passa attraverso filiere sempre più connesse, intelligenti e consapevoli. L'ERP è al centro di questo processo

07/10/16 11.02 | | Manufacturing

Industria 4.0 - blog Alyante TeamSystem

La chiamano Industria 4.0 perché rappresenta il quarto capitolo della rivoluzione industriale. Cosa significa?

In sintesi, come sta cambiando il modo in cui vengono prodotti beni e servizi attraverso l’uso di sistemi cyber-fisici (Cyber-Physical Systems o CPS) e di come siano nate nuove economie di scala anche dal punto di vista energetico. Dall’automazione all’informatizzazione, infatti, sono successe molte cose: sono arrivate le tecnologie mobile, il cloud, una Internet a banda larga (che funziona sempre meglio) ma anche una nuova curva di apprendimento delle persone che hanno imparato a vivere una doppia vita, fisica e digitale.
Di conseguenza, la produttività aziendale e quella individuale hanno iniziato a collimare, portando le aziende a cercare nuove modalità di integrazione tra le informazioni, le applicazioni, i sistemi e i dispositivi.
La dematerializzazione e la digitalizzazione delle informazioni ha portato a una crescente mole di dati, tutti da capire e tutti da gestire. L’industria 4.0 è tutto questo, anzi di più: significa un insieme di investimenti innovativi, di specializzazione di competenze nell’ambito del digital manufacturing, di infrastrutture abilitanti e di strumenti di supporto.

Ma quali requisiti deve avere un’azienda per meritarsi il titolo di Industria 4.0?
Ecco i paragrafi chiave dell’azienda digitale.

Smart Manufacturing

Oltre ai progressi della meccanica e, soprattutto, della robotica e dell’innovazione tecnologica relativamente ai materiali trattabili (plastica e metalli), l’industria ha accelerato la prototipazione dei modelli a supporto del processo di progettazione e di realizzazione dei prodotti (si parla in questo caso di Additive Manufacturing).

L’evoluzione delle cyber-tecnologie ha cambiato le modalità di fabbricazione, a favore di soluzioni di manutenzione e riparazione più snelle e funzionali introducendo nuove logiche di produzione associate, ad esempio, alla stampa 3D.

A fare la differenza anche una sensoristica di nuova generazione, declinata in soluzioni diversificate a supporto dell’identificazione automatica, la localizzazione, il monitoraggio e la diagnostica avanzata.

L’evoluzione digitale passa anche dai processi di dematerializzazione innestati su sistemi ERP evoluti e capaci di normalizzare documenti e processi, rendendo le filiere sempre più connesse, intelligenti e consapevoli.

Smart Supply Chain

L’informatizzazione delle filiere, infatti, è un passo obbligato di quel percorso di innovazione chiamato digital transformation e incentrato sulla massima collaborazione tra tutti gli attori. Le piattaforme abilitanti? Sono piattaforme gestionali ad alta integrazione, capaci in vario modo di mettere in comunicazione dipendenti, partner e clienti, secondo modalità di accesso che favoriscono la condivisione e lo scambio delle informazioni all’insegna della massima velocità e trasparenza, evitando al contempo ridondanze ed errori. Produzione, magazzino, trasporti, integrati a sistemi di gestione degli ordini incentrati sulla fatturazione elettronica e la conservazione sostitutiva, bypassano tutti i limiti associati ai processi cartacei e manuali, sposando una dematerializzazione a valore aggiunto. 

Smart Data Management

L’utilizzo dei dati come strumento per creare valore, infatti, è un altro capitolo fondamentale dell’innovazione applicata al mondo industriale. Il tema dei Big Data, infatti, è solo l’altra faccia di quella crescente digitalizzazione dei processi che aiuta le imprese a produrre meglio e a lavorare meglio, aiutando tutti gli utenti a essere più soddisfatti, dal dipendente al cliente finale.

L’industria 4.0, dunque, deve essere capace di capire e interpretare i flussi crescenti delle informazioni che le tecnologie digitali permettono di registrare, storicizzare, recuperare e analizzare, a qualsiasi livello. Che si tratti dei log delle macchine o delle informazioni che arrivano dal CRM, della reportistica associata al trouble ticketing o dei sistemi di provisioning associati alle soluzioni di Business Intelligence, il terzo capitolo della governance sono i Big Data e le Analytics. L’industria 4.0, infatti, ha la sua direzione tecnologica nella capacità di gestire e analizzare flussi crescenti di dati più smart, perché capaci di orientare le decisioni del business.

Non a caso, l’Industria 4.0 vede anche la regia del nostro Governo, che proprio nei giorni scorsi ha annunciato un piano I4.0 (Industria 4.0) proiettato su quattro anni (2017 – 2020) in cui sono previsti investimenti che sono stimati in questo modo: aumenti di 11,3 miliardi delle spese private di ricerca e sviluppo, e di 2,6 miliardi negli investimenti privati early stage.

Scopri di più su LYNFA Studio Comunicazioni telematiche

Potrebbe interessarti anche:
Smart Factory: il futuro del manufatturiero in un'infografica
I 10 tipi di Innovazione
Realtà virtuale e Serious Game per migliorare la produttività in azienda.

Stiamo lavorando al calendario 2017 ma nel frattempo, se ti sei perso uno dei nostri webinar, niente paura!

Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle novità utili al tuo business.

Guida alla gestione della Logistica