Blog ALYANTE – TeamSystem

Gli 8 Step di Kotter per un processo di Change Management di successo

28/10/15 11.57 | | Lean Production

immagini-varie-blog-5

Su come guidare il cambiamento ci sono tantissimi ricercatori e consulenti che hanno pubblicato proprie teorie e modelli.  Uno degli autori più classici e influenti è senza dubbio John Kotter, professore alla Harvard Business School e autore del libro "Leading Change".

Kotter identifica 8 step fondamentali in un processo di cambiamento:

  1. Sviluppare un senso di urgenza
    Perché il cambiamento progettato possa avvenire nella realtà, è necessario che l'organizzazione lo voglia davvero e che si crei un senso di necessità  verso il cambiamento stesso. Occorre quindi  spiegare con trasparenza ciò che sta succedendo sul mercato e ciò che occorre fare per mantenere la posizione o migliorarla.
  2. Costruire il team che guiderà il cambiamento
    Individuate le persone giuste che possono aiutarvi in questo percorso, allargate il più possibile la squadra di persone che sosterranno il processo di change management, i cosiddetti “agenti del cambiamento”
  3. Creare una visione chiara
    Ricordate che le persone hanno bisogno di vedere in maniera pratica ciò che intendete fare. Fornite esempi, usate illustrazioni, cercate di far immaginare chiaramente dove volete arrivare. Questa immagine simbolica in letteratura è chiamata “la cartolina dalla destinazione”.
  4. Comunicare la visione
    Non basta che la visione si chiara a voi, è fondamentale comunicarla efficacemente ai collaboratori di tutti i livelli. Questa comunicazione dovrà distinguersi tra le tante comunicazioni che vengono fatte quotidianamente. Per questo motivo è importante che il messaggio venga ricordato frequentemente e con forza.
  5. Rimuovere gli ostacoli
    In questa fase dovrete riconoscere pubblicamente le persone che supportano il cambiamento, rinforzando comportamenti positivi. Al contrario dovrete anche  identificare chi non lo supporta e cercare di capirne i motivi, parlandone apertamente e cercando di risolvere eventuali problemi.
  6. Creare piccoli successi nell’immediato
    Per mantenere motivate le persone è importante progettare qualche obiettivo di breve termine (i cosiddetti quick wins) che abbia una ricaduta immediata in fatto di visibilità e di risultati ottenuti.  Risultati veloci da sottoporre all'attenzione di tutti vi aiuteranno a mantenere il focus sul change management e a convincere chi è ancora scettico.
  7. Non mollare la presa
    Un cambiamento efficace ha bisogno di tempo e di sostegno continuo. Obiettivi facili da raggiungere e che diano soddisfazione sono solo avvisaglie di un cammino più lungo e complicato. In questa fase dovrete: analizzare ogni obiettivo raggiunto mantenendo traccia di ciò che è andato bene e di ciò che bisogna migliorare; sicuramente non tutto quello che avevate in mente si è rivelato efficace
  8. Fare attecchire il cambiamento
    L’ultima fase è quella che spesso viene sottovalutata; è però fondamentale mantenere in futuro i cambiamenti implementati. 
    E' normale, infatti, che quando si spinge una persona a cambiare (magari facendole adottare metodologie nuove) questa torni allo stato di partenza se non si fa in modo di rendere il cambiamento "acquisito", ovvero se non lo si interiorizzerà come un vero e proprio cambiamento all'interno della cultura aziendale.
Infografica "Gli 8 Step di Kotter per un processo di Change Management di successo"

Scarica PDF
Stiamo lavorando al calendario 2017 ma nel frattempo, se ti sei perso uno dei nostri webinar, niente paura!

Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle novità utili al tuo business.

Produzione e Gestione del Magazzino