Blog ALYANTE – TeamSystem

Software fatturazione elettronica pa: come sceglierlo

21/07/15 17.26 | | Fatturazione Elettronica

Software fatturazione elettronica PA

L’obbligo di emettere e trasmettere una fattura elettronica nei confronti delle Amministrazioni Pubbliche introdotta dalla Legge finanziaria 2008 ha portato le maggiori software house a proporre soluzioni e servizi diversificati, tra cui è difficile scegliere la proposta migliore.

La fattura elettronica PA è un file strutturato in formato XML che segue un flusso elettronico di emissione e trasmissione e che si chiude con la Conservazione Digitale per l’esibizione fiscale e tributaria nel tempo.

Innanzitutto è bene decidere se scegliere un servizio e delegare completamente l’attività ad un Provider oppure se affidarsi ad un software per la fatturazione elettronica pa per gestire in proprio tutti i passaggi di emissione - trasmissione e conservazione digitale delle fatture.

Quali provider scegliere?

Se si sceglie un servizio per la fatturazione elettronica è consigliabile valutare:

  • Affidabilità del provider a livello nazionale.
    Il provider deve garantire un servizio continuativo nel tempo e fornire standard qualitativi, meglio se certificati, per la sicurezza dei documenti che gli vengono affidati.

  • Delega totale
    Tutto il processo di firma – trasmissione - gestione esiti e notifiche - conservazione, deve poter essere delegato al Provider. Solo in questo modo si ha un risparmio assoluto in termini di tempo e attività.

  • Completezza dell’offerta:
    Il servizio messo a disposizione dal Provider deve essere accessibile facilmente e altrettanto semplice dovrà essere l’inserimento della fattura per mezzo di  un’interfaccia guidata; non ci devono essere ostacoli al caricamento di una fattura prodotta da un gestionale per mezzo di un upload o di uno zip, anzi: meglio se è il proprio gestionale ad alimentare nativamente la piattaforma.
    Verificare anche che sia sempre possibile consultare fatture e notifiche correlate e che la loro ricerca sia facile e veloce: in linea di massima il Service dovrebbe mettere a diposizione funzionalità di download per portare in locale fatture e notifiche.

  • Conservazione digitale integrata
    E’ molto importante che il Provider consenta la conservazione digitale a norma di legge delle fatture elettroniche.

  • Certificazioni
    La certificazione ISO27001 per la Sicurezza della Gestione dei dati informatici e Accreditamento AgID  garantiscono un elevato standard qualitativo dal punto di vista di erogazione del servizio, conservazione dei documenti e infrastruttura IT: chiedere al provider queste attestazioni è sicuramente consigliabile.
    Un servizio configurabile in base alle proprie esigenze, pacchetti diversificati di offerta e un’assistenza sempre in linea con la normativa vigente, completano l’elenco dei requisiti da verificare con il Provider.

  • Assistenza e consulenza sempre in linea con la normativa vigente.

  • Offerta modulare e scalabile sulle proprie esigenze.
    Avere un servizio flessibile in base alle proprie necessità, magari perché la Business Key e la PEC già ce l’abbiamo, è un vantaggio non da poco.
    Altro elemento importante da considerare è il numero di fatture elettroniche emesse verso la PA: l’offerta deve coprire le esigenze anche di chi fa poche fatture in un anno. Fondamentale quindi è la modularità del prezzo e delle possibilità di acquisto.

Il “FAI DA TE” è percorribile?

Si può anche decidere di gestire in proprio le attività di fatturazione elettronica e conservazione digitale, acquistando software e hardware per gestire l'intero flusso.

La Guida alla Fatturazione Elettronica messa a punto da Gruppo TeamSystem può essere molto utile per aver chiari adempimenti e scadenze.

I passaggi chiave in questo caso sono:

  • generare la fattura elettronica PA secondo lo standard XML definito dalla normativa
  • firmare la fattura con firma digitale qualificata utilizzando, ad esempio, la business key della Camera di Commercio e poi trasmettere il file tramite PEC aziendale
  • gestire manualmente tutti i ritorni dallo SDI (Sistema di Interscambio),  il postino virtuale delle fatture elettroniche definito dalla normativa
  • conservare a norma affidandosi a soluzioni Saas che forniscono il servizio di archiviazione, oppure dotarsi di un software per la gestione documentale che abbia un modulo per la Conservazione Digitale a norma di legge

Le responsabilità dei processi non saranno quindi delegate ma svolte direttamente dall’azienda.


Stiamo lavorando al calendario 2017 ma nel frattempo, se ti sei perso uno dei nostri webinar, niente paura!
Scarica la Guida gratuita alla Fatturazione Elettronica
guida-fattura-elettronica.jpg

Guida alla Fatturazione Elettronica