Blog ALYANTE – TeamSystem

Shopping Experience: come deve essere lo Store del futuro

Mixare il mondo fisico con i servizi digitali renderà sempre più esclusiva l'esperienza del cliente

21/12/16 15.59 | | CRM

Shopping Experience - Blog di ALYANTE

Ormai lo sanno tutti: lo shopper oggi è smartphone dotato; è più curioso, più connesso e più informato. Inseparabile dal suo smartphone, lo usa per comparare i prezzi, per navigare le offerte, per consultare amici e community, facendosi aiutare nelle sue varie scelte d’acquisto. Non solo: il consumatore, oltre ad avere aspettativedi servizio sempre più alte, si stanca presto di tutto e ha bisogno continuamente di nuovi stimoli che oggi gli arrivano da una pluralità di canali on line e off line: stampa, radio, televisione, web, posta elettronica e messaggi, così come dalle community dei social network che attraverso post, blog e influencer contribuiscono a generare i trend.
Nasce così il modello dell’hybrid store, basato su strategie di comunicazione e ingaggio sempre più ibride, capaci cioè di mixare i servizi del mondo fisco con i servizi digitali. 

Concept store 2.0: obiettivo engagement

Non a caso è proprio il fashion che sul cosiddetto customer journey ha costruito una nuova filosofia di vendita che ha il suo fulcro nel concept store 2.0.
Centro di attrazione e di attenzione costituito da un mix di strategie e di tecnologie visibili ed invisibili, il concept store (o flagship) è un modello di business vincente che, tra i vari servizi integrati, fa suo anche l’e-commerce.
Mixando arredamento, design e tecnologie di ultima generazione, infatti, i retailer hanno giocato la carta vincente della fidelizzazione, reinventando la teoria del piacere. Il consumatore che entra in un negozio e respira un’atmosfera speciale, fatta di luci, musiche, colori e odori che iniziano a gratificare prima ancora che si sia davvero deciso cosa acquistare è un obiettivo fondamentale del CRM e del business.

Vendere non significa solo mettere un prodotto nella borsa del consumatore

Il problema è che richiamare il cliente in negozio non basta. Bisogna poi declinare tutta una serie di servizi a valore aggiunto, tenendo conto che i consumatori vivono una doppia vita, analogica e digitale. Per questo il mondo della distribuzione ha imparato a formulare diverse combinazioni tecnologiche e strategiche, mutuando soluzioni e modelli dall’hospitality, dal marketing, dall’entertaiment e dall’infotaiment. 

Infografica_RETAIL-v2.png

A seconda della tipologia di store, si può giocare su una serie di variabili: l’angolo bar o la carta fedeltà che serve a raccogliere punti per sconti e premi, la app che aiuta a personalizzare le scelte d’acquisto e a tracciare la domanda fino a quel digital signage che nei totem interattivi è così intelligente da permette agli shopper di consultare l’offerta, per vedere prodotti coordinati o addirittura procedere all’acquisto on line se la merce non è disponibile su quel determinato punto vendita. Prendendo le idee da certi siti di e-commerce che in questo modo hanno cercato di ovviare l’esperienza dell’indossare un capo, il magic mirror e la virtual fitting room sono arrivati anche nei negozi fisici, come elemento di entertaiment e di servizio.

Personale di negozio più connesso e informato

I processi di gestione del magazzino e degli ordini, fatti convergere su un’unica piattaforma permettono di capitalizzare le informazioni a sistema e di rilasciare ulteriori servizi.
Ad esempio i tablet aiutano i personal assistant nel loro lavoro, consentendo loro di non abbandonare il cliente alla ricerca delle merci in magazzino, ma seguendolo nel negozio per offrirgli informazioni di dettaglio a valore aggiunto su disponibilità, caratteristiche e soluzioni coordinate per un cross-selling allo stato dell’arte.
Smart payment, smart marketing, smart control e smart services diventano così i nuovi asset della distribuzione 2.0 che, attraverso piattaforme di gestione evolute, cavalca a testa alta l’innovazione.

Potrebbe interessarti anche:
Nuovi Strumenti per sviluppare il Business - Video                  
Social CRM: l'importanza dell'interazione con il cliente 
Strategia di Orientamento al Cliente: la personalizzazione 
Come scegliere un software di CRM per la gestione dei clienti

Stiamo lavorando al calendario 2017 ma nel frattempo, se ti sei perso uno dei nostri webinar, niente paura!

Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle novità utili al tuo business.

Un progetto CRM in 10 mosse