Blog ALYANTE – TeamSystem

CRM Marketing: L’evoluzione degli strumenti di interazione con i clienti

Ascoltare i bisogni dei clienti per saper analizzare le richieste e offrire il miglior servizio

29/12/15 10.00 | | CRM

CRM Marketing – Alyante TeamSystem il blog

Se vogliamo proprio dirla tutta, le aziende ne avrebbero fatto volentieri a meno del CRM Marketing, del numero verde, dei call center e dei punti di ascolto del cliente. Ai tempi dei nostri nonni, il prodotto si vendeva e poi erano problemi di chi l’aveva acquistato...! Siamo un po’ polemici, è vero, ma è un po’ quello che è veramente successo negli ultimi decenni… E’ stata la concorrenza, sono stati i clienti, è stata la eccessiva sofisticazione a rendere necessario lo sviluppo dell’interazione con i clienti e dei sistemi CRM in generale, che in origine aveva l’obiettivo di gestire al meglio i reclami.

Nel momento in cui a noi come consumatori ci hanno dato la possibilità di chiamare per protestare, poi anche gratis, ci abbiamo dato dentro. Ed ecco che, un po’ per una ragione e un po’ per l’altra, sono cambiati gli scenari, anche in Italia.
Il telemarketing è datato primi anni ’80 ed era fondamentalmente inbound, cioè relativo alle chiamate in entrata. Poi si è capito che poteva anche essere interessante come “outbound”, cioè per la ricerca di opportunità verso i clienti.

E da lì si è fatta tanta strada.

Il Call Center: parte integrante della strategia aziendale

Oggi il Call Center, Customer Support, Clienti Interactive Service, o comunque lo si voglia chiamare, è parte integrante delle strategie aziendali. Si è capito che non solo può gestire e risolvere problemi, ma può incrementare la soddisfazione di un cliente, la sua fedeltà, può raccogliere informazioni a beneficio del resto dell’azienda, può fare interviste, può anche vendere, in affiancamento alle reti di vendita tradizionali.
Sbaglia chi lo considera solo come un costo e come un’attività dovuta!

Questo tipo di professione, peraltro ancora mal regolamentata dal punto di vista legale e spesso vissuto come ripiego per disoccupati, per persone che hanno perso il lavoro, pensionati, richiede caratteristiche personali molto particolari, prima di tutte competenza, ma anche pazienza, lucidità e grande resistenza fisica, e può generare benefici incredibilmente consistenti.
E’ poi stata passata al microscopio, per monitorarne redditività, tempi medi di gestione delle chiamate, tasso di successo delle chiamate ecc.
Veri e propri KPI, che hanno regalato efficienza ed efficacia ad un tipo di professione assolutamente centrale in azienda.

Nel tempo la relazione telefonica si è poi integrata con quella fisica sul territorio, da parte, ad esempio, della rete di vendita, risultando un aiuto concreto per ottimizzare le attività commerciali e di contatto con il cliente. Ad esempio:

Un’azienda che ha un venditore che segue tre tipologie di clienti – A, B e C – dedica a questi clienti complessivamente 2540 visite, distribuite per classi di clienti come da tabella.

A questo punto l’azienda si chiede come cercare di elevare la quantità riducendo il carico di lavoro e i costi. La soluzione individuata è quella di un supporto telefonico, più mirato, rapido e a basso costo (necessita però di una formazione ad hoc), che presenta i vantaggi illustrati nella parte destra della tabella:

• I clienti marginali, che sono la numerica più rilevante, mantengono invariato il numero dei contatti anno, ma cambia il mix dei contatti: vengono visitati 3 volte invece di 5, ma contattati per telefono altre due volte.
• I clienti della classe media vengono contattati 9 volte all’anno, invece delle 7 precedenti
• Una riduzione degli investimenti fisici sui clienti di fascia inferiore libera tempo alla vendita qualitativa sui clienti che contano..

CRM_Evoluzione_Strumenti_Interazione.jpg

Questo è uno dei tanti ragionamenti che un Call Center ben strutturato può portare al resto dell’azienda.

I vantaggi sono cresciuti ancora con il ricorso al digitale anche per queste figure professionali.
Ma con l’avvento dell’era digitale il mondo è cambiato.
Le persone ormai comunicano, chiedono, parlano e si ascoltano ON LINE e lo fanno sempre di più, siamo nell’era dei Social Network.
“Il business non ha scelta se utilizzare o meno i social media. La scelta riguarda solo quanto intelligentemente si possono usare” (E. Qualman – Socialnomics – Hoepli).

Dal cliente consumatore al cliente Social

Il web, un mondo di “amici”, nessuno compra più a scatola chiusa come proponeva una famosa pubblicità, quasi tutti chiedono il consiglio di chi ispira loro fiducia … degli “amici”.
Nessuno tace se subisce un torto da un suo fornitore o se rimane deluso da un prodotto / servizio, il rapporto preferito è personale.

Siamo passati dal cliente consumatore al cliente “Social” che non ascolta più solo la “campana” dell’azienda e si fida soprattutto della “sua rete sociale”. Approfondisce tutte le novità su ogni singolo prodotto. Attraverso Twitter, Facebook, blog, gruppi di consumatori, news, commenti, ecc. Non è più l’azienda che si racconta, sono gli altri che raccontano l’azienda. Il cliente social si aspetta che i marchi e le aziende siano presenti sui social network che frequenta e chiede a queste aziende (persone) l’ascolto!

Il cliente Social non usa più un solo canale: E-mail aziendale, Servizio di Assistenza, telefono, Forum assistenza. Userà i suoi canali preferiti, userà i luoghi in cui si sente a suo agio. E l’azienda dovrà esserci!

Quindi che fare? “Ascoltare” le conversazioni dei clienti, saper “analizzare” le conversazioni dei clienti, correlare” le informazioni provenienti dall’ambiente social e web con le informazioni presenti in azienda, agire partendo da questi dati e queste “richieste” che vengono dai clienti (dal mercato), fare in modo che i nostri clienti aiutino i nostri clienti.

Brand reputation e ascolto 

Oggi la brand reputation (e la sua corretta gestione) è diventata ormai un asset fondamentale per qualsiasi azienda. Un valore dall’impatto crescente e vitale perché viene dagli utenti, quegli stessi utenti che sono consumatori e quindi possibile target. Eh sì, la reputazione online vive e si forma sui contenuti, i commenti, le interazioni che avvengono sul web, andando a forgiare la percezione che i naviganti della rete hanno del nostro brand, ma soprattutto condizionando (spesso inconsciamente) la propensione all’acquisto e la fidelizzazione.

Le conversazioni sul web che ci piaccia o no, avvengono interessando noi ed i nostri servizi/prodotti. Le esperienze degli utenti (positive e negative) si propagano ad una velocità inimmaginabile, raggiungendo un numero incredibile di persone (e di potenziali clienti).

Ma prima dell’analisi e della gestione c’è una fase ancor più basilare, da cui derivano conseguentemente le altre: la fase dell’ascolto. È proprio grazie a questa che è possibile intercettare i contenuti che parlano di noi, anticipando eventuali crisi o opportunità. Un processo inverso a quello a cui siamo abituati, che ci spinge dal parlare all’ascoltare.

Media online, social, blog, forum, un mare magnum che va quindi presidiato con attenzione e con gli strumenti più idonei.

Potrebbe interessarti anche:
Come scegliere un software di CRM per la gestione dei clienti

Stiamo lavorando al calendario 2017 ma nel frattempo, se ti sei perso uno dei nostri webinar, niente paura!

Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle novità utili al tuo business.

Un progetto CRM in 10 mosse